ALLA RICERCA DI UN VOLTO #DiarioGmg

GIOVANI VERSO CRACOVIA:

«Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia» (Mt 5,7)

di Luca Caiazzo

logo ok gmg

Per un giovane, il viaggio è sempre immagine di qualcosa di più grande: il cammino si fa strada, il passo diventa decisione, lo zaino è la sua storia e i compagni di viaggio sono testimoni del suo andare; la giusta direzione è segnata da quel fiume di giovani che, con gioia trascinante, indicano la meta desiderata: Gesù, colui che ti dà la pienezza. Siamo a pochi passi dalla XXXI Giornata Mondiale della Gioventù, verso la terra di quell’uomo “venuto da lontano”, la Polonia.

I nostri ragazzi hanno attraversato diverse tappe preparatorie, iniziate già nell’aprile 2015 con l’accoglienza del Crocifisso di S. Damiano e della Vergine Lauretana nella nostra diocesi:  i simboli degli italiani che hanno viaggiato luingo tutta la penisola, toccati dall’entusiasmo e dalla fede di coloro che con decisione hanno pensato di venire all’Incontro internazionale dei giovani, nel Paese della Divina Misericordia. In quell’occasione riecheggiarono nel cuore di ognuno queste parole, prese dal tema della Peregrinatio: “Pensavamo di essere turisti e ci siamo scoperti pellegrini”, dalla nostra diocesi, dalle varie città partiranno circa 60 giovani, guidati da don Nando Iannotta direttore della pastorale Giovanile e da altri sacerdoti, sarà presente anche il Vescovo. I tanti momenti di preghiera, le veglie diocesane, gli incontri per conoscerci sono state le tessere di un mosaico che figurano l’opera di un Incontro attraverso nuove amicizie, momenti attraverso i quali ognuno si è arricchito della testimonianza di vita dell’altro. La tappa culminante del percorso formativo è stata la giornata del 12 giugno a Pozzuoli, Giornata Regionale dei giovani, un percorso guidato nei luoghi di Paolo, dove secondo gli Atti degli Apostoli sarebbe sbarcato diretto verso Roma, in direzione del suo martirio. Un mix di emozioni ed attese abitano il cuore dei ragazzi verso Cracovia, abbiamo raccolto alcune testimonianze tra i nostri giovani che parteciperanno a questo incontro, fortemente voluto da Papa Francesco, nel Giubileo della Misericordia:

“In cuor mio la gioia è tanta, sto vivendo questo tempo di attesa con le parole del Vangelo di Luca, avere compassione per il prossimo e soprattutto che si faccia la Sua volontà. Le attese sono poche o nulle, perché riconosco che tutto quello che sto vivendo e che vivrò sarà sempre di più, sapendo che il Signore è fedele alle sue promesse e che dona sempre il cento per uno. Porterò nello zaino i miei peccati e le fragilità, perché nell’incontrare Cristo nei fratelli possa ripetere le parole del Salmo, “il Tuo volto Signore io cerco, non nascondermi il Tuo volto”. Cercherò di fare questo cammino anche per quei giovani, che pur desiderando vivere questo tempo, per varie ragioni non potranno essere presenti. (Andrea, 28anni)

Quando mi è stato chiesto di partecipare alla Gmg, con entusiasmo ho detto “Sì”. In questo “sì” ho riposto delle speranze non solo per ciò che vivremo a Cracovia ma anche per quello che sarà il dopo. Viviamo in una realtà difficile per i giovani e la loro spiritualità. Per questo vorrei che questo viaggio fosse una testimonianza del messaggio vivo di Cristo per gli sfiduciati e quelli lontani. Inoltre credo che sia una buona opportunità anche per noi che partecipiamo con fede. Frequentiamo le nostre parrocchie e ci impegniamo tanto per le varie attività ma non siamo in grado di uscire dal nostro porto sicuro ed uniformarci ad altre comunità e collaborare in concordia. Spero vivamente che quest’esperienza ci insegni ad aprire le nostre frontiere ed unire i giovani nel desiderio di carità fraterna e stima reciproca, così potrebbero esserci le basi per un progetto futuro insieme.

(Fabiola, 26 anni)

Cosa mi aspetto dalla GMG?

In generale tutto e niente, ho imparato a mie spese che, quando si parla della Sua Volontà, è bene non aspettarsi nulla, perché di sicuro più grande è ciò che il Signore vuole fare di noi, ma spero di fare un Incontro, o meglio un re-incontro.

Io penso di averLo già incontrato nelle mie esperienze di vita passata, ma c’è sempre qualcosa che mi ha allontana da Lui… stavolta vorrei che fosse così forte da non riuscire a lasciarLo più, nonostante le molteplici tentazioni. Vorrei fortificarmi nella Fede, ecco, vorrei capire anche se un minimo quale sia la Sua volontà… e vorrei farlo insieme ai miei fratelli perché “com’è bello, com’è dolce che i fratelli vivano insieme”.(Salmo 133) Ragion per cui ho deciso di non attivare Sim per abilitarmi internet o minuti per chiamare a casa, voglio affidarmi totalmente a Lui e so che non mi deluderà… (Serena, 22anni)

Mi lascerò meravigliare, ancora una volta, da Dio. Avrei potuto scegliere altro, ma non ho saputo rinunciare a questo appuntamento. Ho bisogno di vedere giovani diversi ma che hanno la stessa luce negli occhi, giovani che si incontrano nel Dio-Misericordia, che vivono l’Amore! Abbiamo una grande responsabilità, ricordare al mondo che esiste anche un altro Mondo!
(Chiara, 22 anni)

 

©Limen, Diocesi di Sessa Aurunca– Luglio 2016

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...