Un tempo per tornare uomini #Avvento

Quando si attende, nel desiderio tumultuoso che abita un cuore, il tempo sembra non passare mai… si vive di attese, si vive attendendo.

La storia è segnata da queste lunghe attese, ad improvvisi risvolti, a corsi e ricorsi… a cose che si ripetono con stili diversi… a speranze che si illuminano su volti nuovi e sentimenti già eternanmente vissuti… si fonde lungo la storia, si scaglia un momento, una notte limpida e luminosa, abitata da un silenzio che è Parola.

Dio entra nella storia. Si incarna la Parola, si umanizza il pensiero… il Logos eterno diventa uomo impastato di carne e sangue… un Dio che “è mio figlio e sorride”, come teatralmente ha raccontato Sartre. Ma oltre i nostri consunti pensieri teologici, al di là delle nostre poesie inerpicate su tradizionali eventi e memoriali, oltre il Natale (del Signore, come un tempo segnava il calendario): cosa dice a me questo tempo?

Chi attendiamo? Quanto dura quest’attesa? Quid de nocte, come interroga il Salmo?

Personalmente è un’attesa interiore, arcana ma nuova…

marco-mengoni-esseri-umani-videoclip-620x263

E’ evidente che il mistero dell’incarnazione lascia dubbi e pone quesiti esistenziali, più della Risurrezione. Un Dio che nasce nella carne, vive l’umanità lontana dal peccato e poi donandosi a quest’umanità, la redime, l’amore inchiodato muore… ma l’Amore non può morire, e sconfitta la morte: risorge.

Il passo più difficile di Dio, sembra essere proprio la divina incarnazione.

Noi siamo nati già uomini, eppure dobbiamo ogni giorno “umanizzarci” e tentare un contatto con l’Assoluto… ognuno dentro porta questa eterna traccia, ognuno è artista e artigiano in cerca di questa particella di Dio… in cerca di un’anima… da abitare, amare…

A Dio interessa l’uomo… all’uomo interessano tante cose… tante orme, l’uomo segue, tante scintille, l’uomo accende… tante ombre vuol illuminare… e non sa che tutto conduce a quest’Eterna traccia che incarnatasi, pompa sangue e dà battiti vitali.

Avvento è il tempo per incarnarsi in questa umanità. E’ il tempo per ritornare uomini, per attendere l’uomo che è dentro di noi… mi sento “essere umano”?

Nella società che non ammette fragilità o momenti di flessione, nel tempo perso che non è più a portata dell’uomo, noi dobbiamo fare del tempo di attesa del Signore un rinnovato momento per noi stessi, per ritrovarci uomini. La paura e il coraggio di essere umani, di poter ritrovare dentro un cuore che si commuove al ritorno a casa, che non abbassa lo sguardo davanti ad occhi puntati, che si stupisce del sole di ogni giorno, che accoglie il proprio nulla interiore e lo dona a chi può riempirlo di senso. Ci vuole il polso fermo ad essere uomini “umani”… ha ragione Mengoni?

“Ma che splendore che sei nella tua fragilità…”

Non possiamo non essere uomini e fragili, Dio che è Onnipotente ha scelto questa strada… è raggiungere se stessi lungo la Via del venerdì della Storia che ci rende pienamente umani… come Lui.

 

Buon #Avvento e … restiamo umani!

 Luca Caiazzo

lucacaiazzo92@hotmail.it

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...